Donazione Cozzi

DONAZIONE COZZI - La Collezione

La donazione Leonetto Cozzi consiste in una collezione di un centinaio di dipinti che ripercorrono la sua vicenda artistica, dalle prime esperienze paesaggistiche fino alle ultime raffigurazioni di fiori, contraddistinte da un forte naturalismo, ottenuto attraverso un sapiente ed estremamente raffinato uso della tecnica mista su carta. Artista apparentemente pacificato e rasserenante, Cozzi giunge a risultati di alto lirismo grazie ad una sperimentazione sempre più sapiente della tecnica pittorica, permettendo solo a tratti l’emergere di una sottile nota di inquietudine, in particolare tra le sue opere a soggetto religioso.
La donazione che consente di arricchire ulteriormente le collezioni d’arte legate del territorio è stata perfezionata dalla signora Alessandra Lemmi Cozzi per realizzare la volontà in tal senso espressa del marito.

Pubblicazione LEONETTO COZZI

Leonetto Cozzi, pittore dei fiori

leonetto_cozzi
Titolo: LEONETTO COZZI, PITTORE DEI FIORI
Autore: A cura di Giulia Cavallo
Editore: Gian Piero Migliorini Editore s.n.c.
Data di Pubblicazione: I edizione 2012
ISBN: 978-88-9542-008-0

Leonetto Cozzi, scomparso a Cecina nel 2007, è stato un artista dalla serena operosità e, nel contempo, dall’intensa vena creativa, che ha sempre lavorato in virtù di reali e percepibili motivazioni espressive. Le opere della Collezione permettono di ripercorrerne la vicenda artistica, dalle prime esperienze paesaggistiche fino alle ultime raffigurazioni di fiori, contraddistinte da un forte naturalismo, ottenuto attraverso un sapiente ed estremamente raffinato uso della tecnica mista su carta. Artista apparentemente pacificato e rasserenante, Cozzi giunge a risultati di alto lirismo grazie ad una sperimentazione sempre più sapiente della tecnica pittorica, permettendo solo a tratti l’emergere di una sottile nota di inquietudine, in particolare tra le sue opere a soggetto religioso. Corredato da un saggio storico critico sulle vicende artistiche del pittore, da schede analitiche delle opere più significative della Collezione e da un apparato bio-bibliografico, il volume si propone come una prima tappa nella riscoperta delle qualità creative di Leonetto Cozzi e dell’incessante volontà comunicativa che le anima.

Articoli correlati: