E’ stata inaugurata domenica 30 luglio u.s. alle ore 18 a Castiglioncello (LI), presso la Limonaia di Castello Pasquini, la mostra “I cinque sensi nell’arte di Leonetto Cozzi” organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra.

L’esposizione, che è allestita nelle sale del primo piano di Castello Pasquini, si concentra su un aspetto specifico dell’espressione artistica di Leonetto Cozzi, riguardante l’interessante effetto di integrazione ed evocazione dei cinque sensi che, a seconda dei casi, si manifesta in modo diverso all’interno delle opere dell’artista.

Leonetto Cozzi, artista nato a Livorno nel 1931 e morto a Cecina nel 2007, si è formato in ambiente pisano e livornese alla fine degli anni quaranta del secolo scorso, ha proseguito la propria carriera dapprima sperimentando tecniche e suggestioni pittoriche diverse e poi concentrando la propria ricerca intorno ad alcuni temi iconografici specifici, realizzati attraverso un sempre più sapiente uso della tecnica mista su carta. Conosciuto come “pittore dei fiori”, durante tutta la sua carriera ha realizzato numerose opere a soggetto floreale, ma ha anche saputo dar vita a coinvolgenti visioni di soggetti sacri, testimoni di una sempre più significativa vena d’inquietudine, a nature morte di impronta squisitamente lirica e a bozzetti di nudi femminili dal tratto fortemente espressivo.

La mostra di castello Pasquini, grazie all’esposizione di dipinti che attraversano tutto il percorso artistico di Cozzi, presenta al visitatore la personale forma espressiva attraverso cui il pittore rielabora ed integra in forma visiva la percezione sensoriale. Articolata in quattro sezioni espositive, ciascuna delle quali è introdotta da un pannello didattico di spiegazione generale del tema proposto, e suddivise nelle 3 sale del primo piano di Castello Pasquini, la mostra offre uno specifico punto d’osservazione su come ciascuno dei cinque sensi nella produzione artistica di Leonetto Cozzi, prenda forma ed emerga, integrandosi liricamente con gli altri. Poiché la Vista è il senso fondamentale attraverso cui si esprime la pittura, ad esso è dato il punto di partenza del percorso espositivo sul quale e attraverso il quale, gli altri sensi vanno poi ad innestarsi. Le altre sezioni espositive sono dedicate all’ Udito, al Tatto, al Gusto e all’Olfatto. Il senso dell’Olfatto è posto a conclusione del percorso espositivo, vista la sua rilevanza nella scelta dei soggetti floreali prediletti dall’artista. Udito, Tatto e Gusto prevedono l’esposizione di 6 opere ciascuno, mentre Olfatto ne presenta 8 per un totale di 26 opere esposte. All’interno di ciascuna sezione le opere sono esposte in sequenza cronologica, allo scopo di far meglio percepire al visitatore come sia cambiata nel tempo e con la pratica la funzione di quello specifico senso nella pittura di Cozzi. Leonetto Cozzi è stato un artista dalla serena operosità e, nel contempo, dall’intensa vena creativa, che ha sempre lavorato in virtù di reali e percepibili motivazioni espressive. Le opere della Collezione permettono di ripercorrerne la vicenda artistica, dalle prime esperienze paesaggistiche fino alle ultime raffigurazioni di fiori, contraddistinte da un forte naturalismo, ottenuto attraverso un sapiente ed estremamente raffinato uso della tecnica mista su carta. Artista apparentemente pacificato e rasserenante, Cozzi giunge a risultati di alto lirismo grazie ad una sperimentazione sempre più sapiente della tecnica pittorica, permettendo solo a tratti l’emergere di una sottile nota di inquietudine. La mostra si prefigge lo scopo di riscoprire le qualità creative di Leonetto Cozzi e l’incessante volontà comunicativa che le anima.

La donazione Leonetto Cozzi alla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, che promuove e organizza la mostra, consiste in una collezione di un centinaio di dipinti che ripercorrono la sua vicenda artistica. La donazione che consente di arricchire ulteriormente le collezioni d’arte legate al territorio è stata perfezionata dalla signora Alessandra Lemmi Cozzi per realizzare la volontà in tal senso espressa del marito.

La mostra I cinque sensi nell’arte di Leonetto Cozzi, è organizzata e voluta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, per volontà della signora Alessandra Lemmi Cozzi, vedova dell’artista, ed è a cura di Giulia Cavallo. L’allestimento è di Valerio di Pasquale.

Dal 30 luglio al 17 settembre a Castello Pasquini, Castiglioncello (LI)

Ingresso libero

Orario : 20:30 – 23:00

Inaugurazione: Domenica 30 luglio ore 18, presso la Limonaia nel parco di castello Pasquini. Saranno presenti Augusto Mugellini, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, Roberto Sclavi, Segretario Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, Giulia Cavallo, curatrice della mostra e Alessandra Lemmi Cozzi moglie dell’artista.

Email: info@fondazionecrvolterra.it

Tel.: 0588.80329 – 4

Ufficio stampa:

Elisabetta Cosci

tel.0586753707 mob 339 5711927 e.mail elisabettacosci.stampa@gmail.com

Locandina e Brochure

Foto inaugurazione: